News

2018

LA RACCOLTA DELLE OLIVE

Piano di Mommio, 09/10/2018

Periodo: 03/10. - 09/10/2017, 5 giorni di raccolta
Olive: 2.430 kg
Olio di oliva: 252 litri/230 kg
Resa: 9,5 %
Resa ad albero: 1,8 kg olive; 0,18 litri di olio extra vergine

„Con un inteso colore di verde smeraldo questo olio si distingue per il suo piacevole e armonico odore. Agisce sul palato in modo elegante e fruttato e convince con i suoi freschi aromi verdi.  Il suo gusto vellutato, le piccanti note amare e il leggero retrogusto pepato fanno dell’olio di oliva biologico di Il Casone 2018 uno dei prodotti toscani di più alta qualità.“


Zaiyu Hasegawa

Giugno 2018

Nel ranking del recentemente pubblicato THE WORLD’S 50 BEST RESTAURANTS 2018 lo chef stellato giapponese Zaiyu Hasegawa ha preso il posto numero 17 e avanza così ad essere il migliore chef del Giappone. Prendiamo l’occasione di congratularlo di cuore e siamo orgogliosi che Zaiyu da tanti anni è considerato uno dei amici della casa. Con piacere ci ricordiamo di quando ci ha fatto vedere una performance culinaria qui al Casone, davanti ad un gruppo di giornalisti internazionali, presentando la sua visone di una cucina fusion toscana—giapponese.

Durante una visita al suo ristorante DEN a Tokio abbiamo avuto l’occasione di conoscere l’alto grado di perfezione creativa del giovane chef, il cui viaggio all’apice non è ancora terminato con il successo di quest’anno.


Slow Food Presidio

Piano di Mommio, 27/02/2018

Anche quest’anno siamo orgogliosi di essere stati selezionati da Slow Food per il Presidio.


2017

LA RACCOLTA DELLE OLIVE

Piano di Mommio, 12/10/2017

Con gioia presentiamo i risultati della raccolta di quest’anno:

Periodo: 02.10. - 11.10.2017, 8 giorni di raccolta
Olive: 5.433 kg
Olio di oliva: 700 litri/643 kg
Resa: 11,6%
Resa ad albero: 4 kg olive, 0,52 litri di olio

“Come ogni buon olio di oliva anche quello del 2017 della tenuta Il Casone 1729 si riconosce dal suo odore. La tipica cuvée della tradizionale oliva Frantoio come anche le vecchie varietà Leccino, Maurino e Quercetano ha odori piacevoli e si distingue per il suo aroma fresco di olive verdi, erbe di prato e erba tagliata. Nella bocca l’olio verde di intensità medio-alta, sprigiona note amare fini, nel collo sensazioni pepate, che persistono come il peperoncino. Allo stesso tempo il prodotto di qualità eccellente da una produzione biologica rilascia sensazioni pulite e piacevoli nella bocca.

I frutti senza pecca derivano dalle giornate di raccolta più presto possibile per la Versilia e contengono un’alta quantità di polifenoli nutritivi. La mia conclusione: i contadini di olive di Il Casone sanno cosa fanno!”

Jörg Teuscher, giornalista di cibo, Berlino

Mille grazie Jörg Teuscher!

No images found.

Slow-Food-Presidio

Piano di Mommio, 02.02.2017

La centrale di Slow Food premia dal Maggio 2016, dopo una serie di giudizi, la certificazione di Presidio Slow Food esclusivamente a produttori italiani che lavorano oliveti antichi in modo sostenibile e senza diserbanti e concimi sintetici, in modo da ottenere un paesaggio culturale tradizionale e olio di alta qualità con un carattere proprio. Attualmente esistono solo circa 60 produttori in tutta l’Italia. Siamo molto contenti di aver ricevuto questo onore.

http://www.fondazioneslowfood.com/it/presidi-slow-food/lextravergine-del-presidio

2016

LA RACCOLTA DELLE OLIVE

Piano di Mommio, 12/10/2016

Incredulità e stupore – queste sono le reazioni di tutti quelli che hanno sentito che quest'anno avremmo iniziato la raccolta delle olive il 4 ottobre e che, dopo soli nove giorni, avevamo già terminato.

L'anticipo della raccolta non fa parte di una gara – per la serie: chi prima arriva, macina prima. In verità si tratta di una scelta oculata per ottenere un olio d'oliva di qualità veramente eccezionale, con particolari sensoriali inimitabili e contenuti di preziose sostanze nutritive.

Siamo convinti che "il troppo storpia" e questo pensiero definisce la nostra filosofia aziendale nel suo insieme. Raccogliendo le olive molto prima degli altri, sappiamo di rinunciare a una resa superiore e quindi a un guadagno maggiore, ma otteniamo olio di un gusto davvero inimitabile, tipico del cultivar e del terroir, oltre che un olio dal valore nutritivo superiore.

Per dirla in altri termini: a noi non è mai piaciuto il gusto dozzinale e la piattezza sensoriale. Il nostro obiettivo è la produzione di un olio extra vergine per veri buongustai e siamo felici di poter costatare che dai primi giudizi risulta già un particolare successo dell'annata  2016.

Il primo assaggio
Olio Extra vergine di oliva Il Casone 1729

"Credo che, fra tutti gli olii che ho avuto modo di assaggiare, quest'olio di oliva extra vergine annata 2016, prodotto in maniera contadina-artigianale, sia uno dei pochi che merita senza nessuna limitazione l'aggettivo "eccezionale". Il fresco e gradevole profumo puntualizza, l'aroma intenso e fruttato di erba appena tagliata, erbe del prato e mandorle inebria e il sapore lascia in bocca una sensazione di buono e di pulito.

Quest'olio possiede una forza singolare, note amare ben equilibrate e note piccanti persistenti. Queste ultime, indicatori del contenuto di polifenoli e quindi dei salutari antiossidanti, si presentano in modo talmente equilibrato e armonico, da meritare sicuramente un giudizio superlativo.

Oli d'oliva di una tale bontà sono davvero rari e la differenza fra questi e i sciatti prodotti industriali è abissale. Certo, bisogna essere abituati ai sapori decisi. Chi preferisce i gusti "addomesticati", dovrà cercare altrove.

Jörg Teuscher, giornalista food, Berlin



Sano & Naturale Boffi


Milano, 13/10/2016 Sano & Naturale Boffi

Quelli del marketing ormai sanno tutti che gli arredatori di cucine non si occupano soltanto dell'estetica e del design dei luoghi che progettano, ma anche di quello che succede al loro interno. La manifestazione culinaria „Sano & Naturale“ del famoso produttore di cucine italiane Boffi però ha introdotti un concetto tutt'altro che scontato.

Durante una specie di mercato culinario, allestito presso la sede centrale di Milano della Boffi il 13 ottobre 2016, venti produttori selezionati di tutte le regioni d'Italia, quasi tutti di produzione secondo il metodo biologico, hanno avuto modo di presentare i loro prodotti alimentari agli oltre 200 invitati.

Lo chef stellato Marco Stabile di Firenze (Ristorante Ora d’Aria) e i suoi collaboratori erano stati incaricati di trasformare questi prodotti in piccole delizie, dimostrando a quale livello gustativo si può giungere pur utilizzando pochi ingredienti. Alle lodi del pubblico di  buongustai viziati, lo chef Stabile ha risposto con una citazione del collega Witzigmann: "In cucina, i protagonisti sono gli alimenti – a patto che siano di qualità sopraffina."

Per noi è stato un grande onore che gli organizzatori dell'evento della Boffi ritenessero il nostro olio extra vergine degno di essere presentato nella schiera dei prodotti italiani di punta e ancor più piacere ci ha fatto il giudizio dello chef stellato Marco Stabile: "Un olio di olivo eccezionale dagli aromi intensi".

A proposito: parrebbe che la Boffi stia programmando eventi simili presso le filiali di Berlino e Monaco di Baviera, ai quali saremmo felici di poter partecipare!



Terra Madre – Salone del Gusto

Torino, 2671072016

Yoshinori Tezuka, uno dei più famosi maestri sushi del Giappone, parla perfettamente inglese e italiano e ha raccolto una buona dose di esperienza durante molti eventi internazionali – non c'è da stupirsi quindi che l'ambasciata giapponese a Roma abbia nominato il 38enne ambasciatore culinario per Terra Madre – Salone del Gusto 2016 a Torino.

Il motivo di questo evento è il 150esimo anniversario dei rapporti diplomatici fra il Giappone e l'Italia. Per festeggiare l'avvenimento, il maestro di sushi ha creato uno dei più stupefacenti sushi di sempre: tonno con olio di oliva toscano. Per questa composizione ha scelto, in particolare, il nostro olio d'oliva extra vergine, definendolo "una grande fortuna" per le sue composizioni di sushi.

Durante una breve visita di Yoshinori Tezuka al Casone nacque l'idea di un workshop di sushi, da organizzare nel 2017 presso la nostra struttura.

"Mi piacerebbe far conoscere agli europei la nostra cultura millenaria di preparazione del sushi", ha detto Yoshi, "che comprende il metodo Ikejime per uccidere il pesce, dozzine di metodi di tagliarlo e diversi metodi di preparazione locali, ad esempio lo stile Edo-sushi, il preferito dai maestri di sushi di Tokyo."

Sarà nostra cura informare per tempo gli ospiti e amici della casa sulle date dei nostri workshop e speriamo di suscitare il vostro più vivo interesse!



Bachelor

Piano di Mommio, Settembre 2016

Holistic approach of high quality olive oil 01 "Holistic approach of high quality olive oil, how to be different",
questo è il titolo della tesi di laurea trinnale di Alexander Lehmann che à stata difesa con successo a Settembre nella Universià delle Scienze Gastronomiche a Pollenzo (Cuneo).

Alexander Lehmann descrive nel suo lavoro soprattutto il significato culturale e culinario dell’olio di oliva nel passato e nel presente e da uno sguardo al futuro del prodotto alimentare più importante del Mediterraneo. L’autore esplicita così anche una serie di motivi per cui ci sono così tante problematiche con questo alimento tanto regolato.

 



Slow Food Presidio

Piano di Mommio, 20 Maggio 2016

Il 17 Maggio 2016 Slow Food Italia ha finalmente messo un passo nella direzione giusta: L’inclusione dell’olio extra vergine di oliva Italiano nel circolo dei presidi Slow Food. Così facendo piccoli produttori di oli di oliva di alta qualità, che si distinguono con una produzione sostenibile e un profilo di gusto differenziato, si possono separare dalla produzione di massa disorientante, che allaga il mercato con prezzi bassissimi. Adesso spetta al consumatore di informarsi della qualità dell’olio di oliva!

http://www.slowfood.it/olio-extravergine-un-nuovo-presidio


2015

Delegazione Ishikawa

Piano di Mommio, 20/10/2015

Eravamo decisamente agitati al Casone, quando ci hanno annunciato che una delegazione giapponese di alto rango, proveniente dalla Prefettura di Ishikawa e in visita ufficiale in Toscana, ci avrebbe visitato. Perfino Conny, di solito impassibile, si è innervosito un po’.

La delegazione ci ha onorato della sua presenza il 20 ottobre 2015, sotto la guida del Governatore di Ishikawa, Masanori Tanimoto (equivalente di un presidente regionale italiano), e comprendeva diversi rappresentati politici della prefettura, alcuni produttori alimentari e imprenditori agricoli.

Durante il colloquio di un'ora circa, i nostri ospiti hanno chiesto con particolare interesse informazioni sulla produzione di olio extra vergine di oliva secondo i criteri biologici, che pratichiamo per rispetto della natura, e sulla nostra filosofia dell'ospitalità, che è la combinazione di una struttura di estremo lusso con la calda accoglienza in atmosfera famigliare. Con grande orgoglio abbiamo raccolto le lodi dei partecipanti.

Dopo una passeggiata nel nostro uliveto e diverse interviste per i media giapponesi, siamo passati alla convivialità del pranzo. Per l'occasione, Aele Cabiddu, lo chef conosciuto da molti nostri ospiti e proprietario della Taverna La Gradole a Serravezza, nella cucina all'aperto nei pressi della piscina, ha creato un menù tipico toscano, che rispondeva alle più alte aspettative, guadagnandosi il giubilo degli ospiti giapponesi, un popolo di risaputa pacatezza.



Zaiyu Hasegawa

Piano di Mommio, 23/05/2015

Feeding the Planet – Energy for Life/Nutrire il pianeta – energia per la vita: questo è stato il titolo dell'Expo 2015 che ha avuto luogo dal 1 maggio al 31 ottobre a Milano. L'esposizione mondiale aveva lo scopo di promuovere soluzioni ai grandi quesiti sull'alimentazione mondiale e un po' della sua gloria ha illuminato anche Il Casone.

Il penultimo sabato di maggio abbiamo avuto l'onore di poter ospitare nel nostro azienda agricola una delegazione di ambasciatori giapponesi dell'Expo e di giornalisti internazionali, guidati da Zaiyu Hasegawa, chef due stelle di Tokyo e proprietario di uno dei più famosi ristoranti della capitale giapponese. Per una ventina di ospiti dell'evento, il cuoco 36enne ha creato, nella cucina all'aperto a bordo piscina, una reinterpretazione contemporanea del classico Kaiseki Ryori, il tradizionale menù degustazione giapponese. La combinazione delle tecniche di preparazione dell'estremo oriente e dei prodotti tipici toscani non ha solo avuto il plauso di tutti i convenuti, ma ha assunto anche il significato dello stretto legame che unisce   l'Europa e l'Asia.